Le forme essenziali delle architetture di Francesco di Giorgio Martini sono il risultato di un approccio trasversale, articolato e coerente che percorre tutta la sua opera. Una visione peculiare che avvia un nuovo percorso progettuale, costituisce la radice della sua architettura civile e militare, diviene strumentale allo studio delle relazioni tra forma del luogo e forma dell’edificio, al governo della coerenza spaziale e dell’efficacia espressiva del manufatto e alla costruzione di un originale dialogo con l’antico. Una forma nuda che rappresenta la principale lezione dell’architettura di Francesco e il cuore teoretico di questo saggio.

Aritz Díez Oronoz
La forma nuda di Francesco
9,90€
9,40€
isbn 9788862425032
book series figure
number 14
current edition 1 / 2021
first edition 1 / 2021
language Italian
size 12x18cm
pages 140
print b&w
binding paperback
copertina download
Add to cart
the author
Aritz Díez Oronoz (Hondarribia, 1988), laureato con lode in Architettura nel 2012, è dottore di ricerca e docente di Progettazione presso il Dipartimento di Architettura dell’Università dei Paesi Baschi. L’esercizio dell’architettura, la ricerc...

Aritz Díez Oronoz (Hondarribia, 1988), laureato con lode in Architettura nel 2012, è dottore di ricerca e docente di Progettazione presso il Dipartimento di Architettura dell’Università dei Paesi Baschi. L’esercizio dell’architettura, la ricerca e l’insegnamento sono una costante del suo lavoro e del suo modo di concepire il mestiere. È socio fondatore dello studio Oronoz & Iparraguirre, la cui opere sono state premiate nel 2019 a New York con l’Award for Emerging Excellence in the Classical Tradition. Tra i lavori dello studio si citano la collaborazione al restauro delle mura di Hondarribia (2010/16), il progetto per il palazzo rinascimentale di Grajal de Campos (2017) e il progetto per gli spazi esterni delle mura e per il Convento de la Coria a Trujillo (2018); gli ultimi due hanno vinto il 1º premio del Richard H. Driehaus Architecture Competition. Il suo campo di ricerca affronta lo studio delle relazioni tra progetto contemporaneo e insegnamento dell’esperienza storica dell’architettura. Con I. Iparraguirre ha curato la mostra antologica della prima Biennale di Architettura di Donostia-San Sebastián dedicata ai maestri A. Ustarroz e M. Iñiguez (2017) e ha pubblicato scritti e articoli sul complesso rapporto tra passato e presente nella pratica architettonica. Si è particolarmente occupato dell’architettura rinascimentale, cui ha dedicato la tesi di dottorato Una bella sfida formale tra Quattro e Cinquecento (2019) che approfondisce il contributo degli architetti del Rinascimento italiano alla nascita della fortificazione bastionata. Parte delle riflessioni qui esposte costituiscono un approfondimento di quel lavoro di ricerca.

Read more

from the same book series