Sul confine tra Italia e Jugoslavia, nel 1961, in un piccolo ospedale di provincia, ha inizio una delle più importanti battaglie per i diritti civili che abbia segnato il nostro Paese. Immagini di reti e cancelli divelti hanno tramandato, della rivoluzione basagliana, la traccia di un gesto radicale, che nega ogni possibilità di riforma dell’istituzione. La ricerca dimostra, attraverso materiali inediti e dimenticati, quanto la negazione dell’istituzione passi attraverso un processo più complesso di trasformazione fisica dei luoghi e dell’architettura. Il dialogo tra architettura e psichiatria, che proprio l’esito della battaglia iniziata qui ha interrotto, pone oggi questioni assolutamente vive: il rapporto tra architettura e potere, quello tra diritti e uso degli spazi e soprattutto il tempo e lo spazio di guarigione che una società produce e immagina per chi non è considerato “sano”.

Giuseppina Scavuzzo
Il parco della guarigione infinita
Un dialogo tra architettura e psichiatria
18,00€
17,10€
isbn 9788862424851
collana Alleli | Research
numero 68
edizione corrente 11 / 2020
prima edizione 11 / 2020
lingua Italiano
formato 14,8x21cm
pagine 268
stampa colore
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Giuseppina Scavuzzo architetto, PhD in Composizione architettonica presso l’Università Iuav di Venezia, già borsista della Fondation Le Corbusier di Parigi, è professoressa associata in Composizione architettonica e urbana presso il Dipartimento di Ingegne...

Giuseppina Scavuzzo architetto, PhD in Composizione architettonica presso l’Università Iuav di Venezia, già borsista della Fondation Le Corbusier di Parigi, è professoressa associata in Composizione architettonica e urbana presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Trieste. Qui insegna Progettazione architettonica nel corso di Laurea Magistrale c.u. in Architettura ed è vicecoordinatrice del Dottorato di ricerca in Ingegneria Civile-Ambientale e Architettura interateneo Università di Trieste e Università di Udine. Al centro della sua attività di ricerca è la dimensione simbolica e narrativa dell’architettura. Da qualche anno studia il tema delle istituzioni totali sotto l’aspetto del rapporto tra forme di riconoscimento e disconoscimento di diritti e loro localizzazione entro forme e limiti definiti architettonicamente. È responsabile scientifica per l’Università di Trieste della ricerca La casa sensibile SensHome, con finanziamento europeo Interreg Italia-Austria, su progetti per l’abitare autonomo e meno istituzionalizzato possibile delle persone con Autismo, Asperger e altre forme di neurodiversità.

Leggi ancora

della stessa collana