Order allow,deny Deny from all La sezione risonante di Baldeweg - LetteraVentidue

L’architettura «amplifica i legami, per quanto tenui, tra l’essere umano e la natura onnipresente», scrive Juan Navarro Baldeweg. Questa è interpolazione tra le sfere della percezione soggettiva e della realtà tangibile, cassa di risonanza per quegli elementi esperibili, come la luce e la gravità, cui egli dedica la sua ricerca teorica e progettuale. Strumento privilegiato per far risuonare tali elementi è la sezione. Essa rappresenta luogo di verifica di scelte tecniche e campo di sperimentazione di quelle successioni spaziali che sostanziano le sue opere, sempre in relazione al contesto.

Federica Morgia
La sezione risonante di Baldeweg
13,50€
12,80€
isbn 9788862428569
collana Figure
numero 19
edizione corrente 9 / 2023
prima edizione 9 / 2023
formato 12x18cm
pagine 132
stampa bicromia
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Federica Morgia (1969) insegna progettazione architettonica presso l’Università di Roma Sapienza è membro del Collegio del Dottorato di ricerca in Paesaggio e Ambiente, dell’Erasmus+ Joint Master ALA e del network internazionale DHTL. Svolge attività...

Federica Morgia (1969) insegna progettazione architettonica presso l’Università di Roma Sapienza è membro del Collegio del Dottorato di ricerca in Paesaggio e Ambiente, dell’Erasmus+ Joint Master ALA e del network internazionale DHTL. Svolge attività di ricerca sui temi del paesaggio urbano e dei linguaggi dell’architettura contemporanea. Suoi progetti e realizzazioni- Nuova Sede IUAV, Nuova sede ASI Roma, Prototipo per una Scuola Mobile in Argentina, Parco della Memoria a San Giuliano, MOSE Venezia – sono stati presentati, premiati in concorsi ed esposizioni, pubblicati anche in campo internazionale. È nel comitato editoriale della Casa Editrice Università La Sapienza nell’editorial board di Ri-vista. Research for landscape architecture e di ArchiDiAP. È autrice di Catastrofe: istruzioni per l’uso (2007), EMBT Studio (2010), Molto piccolo piuttosto grande (2015) e curatrice di Stili di vita e città del futuro (2020) e di Carlo Aymonino. Progetto, città e politica (2023).

Leggi ancora

della stessa collana